Quella porcata maschilista del DDL Pillon

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Alessandro ha detto:

    I miei figli amano stare a casa mia, cioè del loro papà. Apprezzano il mio dinamismo, le mie passioni sportive e salutistiche. Adorano gli incarichi che gli vengono affidati, dallo studio alla piccola manovalanza in cucina, si sentono responsabilizzati, crescono, maturano.
    Malgrado questo, io sono un padre separato, ridotto in ristrettezze, trattato come un criminale, privato di ogni bene, costretto a vedere i miei figli nei ritagli di tempo.
    Questa èa condizione del 70% dei padri separati in Italia.
    Per quanto tempo pensate possa durare questa vergogna?
    Con il DDL Pillon si porrà rimedio a questa anomalia tutta italiana….alzate la testa, Giustizia sta arrivando.

  2. Collettivo Femminista Rivoluzionario ha detto:

    Caro Alessandro, il fatto che tu sia un bravo padre (a detta tua) va benissimo. È un tuo dovere. Poi vorremmo capire da chi sei criminalizzato e come. Hai processi a tuo carico? Per cosa? Trattato come un criminale? Addirittura privato di ogni bene perché probabilmente passi gli alimenti alla tua ex-moglie? Invochi una giustizia che sembra più una vendetta, ci pare. Come molti MRA e padri separati, che sono mossi più da un desiderio di rivalsa, che di giustizia. Il dato del 70% poi te lo sei inventato tu. Attualmente la stragrande maggioranza delle separazioni si conclude con l’affido condiviso (89% -fonte ISTAT, 2015), nell’interesse dei minori appunto. Tranne in casi in cui la violenza (o altre variabili) lo rende impossibile. Quei casi di genitori violenti e malfattori con cui i figli, grazie a Pillon, si troveranno costretti a vivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.